Sara

Sara

martedì 5 luglio 2011


E tu...sai chi sei?
"Chi sono io?"chiese un giorno
un giovane ad un anziano.
"Sei quello che pensi"rispose l'anziano,
"te lo spiego con una piccola storia.
Un giorno, dalle mura di una citta,'
verso il tramonto,si videro sulla linea
dell'orizzonte due persone che si abbracciavano
"Sono un papa'e una mamma'
pensa una bambina innocente.
"Sono due amanti"penso'un uomo torbido.
"Sono due amici che si incontrano dopo molti anni
"penso un uomo solo.
"Sono due mercanti che hanno concluso
un buon affare"penso un uomo avido di denaro.
"E'un padre che abbraccia un figlio
di ritorno dalla guerra"penso'una donna dall'animo tenero.
"Sono due innamorati"penso'una ragazza
che sognava l'amore.
"Chissa perche'si abbracciano
penso'un uomo dal cuore asciutto.
Che bello vedre due persone che si abbracciano
"penso'un uomo di Dio.
Ogni pensiero concluse l'anziano
"rivela a te stesso quello che sei."
(veb)

7 commenti:

  1. Cara Gianna, con questo racconto hai dimostrato la tua grande sensibilità e saggezza, un abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Racconto denso di saggezza,grazie!

    RispondiElimina
  3. Cara Gianna
    Bellissimo racconto...ognuno proietta quello che ha dentro!!
    Ti abbraccio con Amore

    e un infinito bacio a
    Niki e a Sara

    Ornella

    RispondiElimina
  4. Cara Gianna, tutto è soggettivo.
    Io so di abbracciare te.

    RispondiElimina
  5. Ciao nonna Gianna, bel racconto, ricco di verità un grande abbraccio e un fiore per Sara.

    RispondiElimina
  6. Ciao
    Gianna tutto bene???

    Un grande abbraccio a Voi

    e

    un infinito bacio ai nostri
    Niki e Sara

    Con Amore
    Ornella

    RispondiElimina
  7. Gianna, vieni sul mio blog dei premi, c'è un omaggio anche per te.

    RispondiElimina

se volete lasciare uno scritto e non siete iscritti...nessun problema, potete farlo ugualmente, mettete la spunta a identità " Anonimo " poi se volete,in fondo al commento scrivete il vostro nome o nick, insomma quello che volete.....semplice no?