Sara

Sara

sabato 8 febbraio 2014

IL NONNO E IL NIPOTINO...

C'era una volta un uomo molto anziano che camminava a fatica;
le ginocchia gli tremavano,ci vedeva poco e non aveva piu' neanche un dente.Quando sedeva a tavola,reggeva a malapena il cucchiaio
e versava sempre il brodo sulla tovaglia;spesso gliene colava anche dall'angolo della bocca. Il figlio e la nuora provavano disgusto, perciò costringevano il vecchio a sedersi nell'angolo dietro la stufa e gli davano da mangiare in una brutta ciotola di terracotta. Il poveretto guardava sconsolato il loro tavolo, con gli occhi lucidi. Un giorno le sue mani, sempre tremanti, non riuscirono a reggere la ciotola, che cadde a terra e andò in pezzi. la donna lo rimproverò, ma il vecchio non disse nulla e sospirò. Allora per pochi soldi gli comprarono una ciotola di legno. Mentre sedevano in cucina, si accorsero che il figlioletto di quattro anni armeggiava per terra con dei pezzetti di terracotta. "Che cosa stai combinando?" gli domando il padre. "Ecco... -rispose il bambino - sto accomodando la ciotola per farci mangiare te e la mamma quando sarete vecchi". I genitori allora si guardarono e scoppiarono in lacrime. Fecero subito sedere il vecchio nonno al loro tavolo e dal quel giorno lo lasciarono sempre assieme a loro. E quando versava il brodo non dicevano più nulla.
                                          (Fiaba dei Fratelli Grimm)

9 commenti:

  1. Una bellissima fiaba.L'ho apprezzata da bambino, la apprezzo ora da nonno.
    Buona domenica,Costantino

    RispondiElimina
  2. Il rispetto per gli anziani ..... ora come allora .... sempre!
    I nostri anziani sono la nostra storia!
    Un bacio Gianna
    Un buon sereno di tutto

    RispondiElimina
  3. Cara Gianna, veramente una lezione di vita, quel bambino gli ha fatto capire che la vita è una ruota e tutti arriviamo.
    Complimenti della bella fiaba cara, nonna di Sara, un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Bella fiaba e quanti ricordi che vengono alla memoria.
    Buon fine settimana cara Gianna,un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Il rapporto con l'anziano non più al meglio delle sue facoltà è un tema da sempre all'ordine del giorno.
    Intelligenza e amore sono gli unici ingredienti per accettare questo normalissimo evento della Nostra vita.
    La storia che hai raccontato ne è l'esempio.
    Ciao Gianna, un bacione.

    RispondiElimina
  6. Rispetto per gli anziani...eccome !!!

    RispondiElimina
  7. Cara Gianna, per il cursore personalizzato, lascia un commento qui:

    http://iolecal.blogspot.it/2013/07/cursore-del-mouse-personalizzato.html

    Baci

    RispondiElimina
  8. Grazie cara Gianna,mi sono messa in contatto con Iole fa tutto lei
    perche' io sono imbranata.
    un abbraccio nonna di Sara gianna

    RispondiElimina
  9. Un grazie collettivo, i vostri commenti mi fanno molto piacere Costantino,Elisena,Tomaso,
    Achab,Gianni,Gianna.
    Un abbraccio con il cuore a tutti
    nonna di Sara gianna

    RispondiElimina

se volete lasciare uno scritto e non siete iscritti...nessun problema, potete farlo ugualmente, mettete la spunta a identità " Anonimo " poi se volete,in fondo al commento scrivete il vostro nome o nick, insomma quello che volete.....semplice no?